FARAONA AI FUNGHI PORCINI

INGREDIENTI:

  • 1 faraona circa 1,5 kg.
  • funghi porcini, almeno 4
  • cognac, vino bianco, brodo
  • 4 scalogni, aglio, 1 spicchio
  • alloro, ginepro
  • sale e pepe, olio extra vergine di oliva, burro

per il bagno della faraona:

  • 1 arancio, cardamomo, pepe rosa, cipolla
  • chiodi di garofano, anice stellato
  • pepi misti, stecca di cannella

 

PREPARAZIONE:


Pulire bene la faraona.


Riempite di acqua fresca una ciotola profonda ed ampia. Unite tutti gli ingredienti del
bagno, nelle quantità che preferite, steccando la cipolla con i chiodi di garofano,
tagliando in due l’arancia e spremendone bene il succo, incidendo le capsule di
cardamomo.

 

Immergete la faraona nel bagno , riponete in frigo e lasciatelo riposare
per almeno 3 ore.


Ora estraetelo dal bagno freddo, sgocciolatela bene e lasciatela su un piatto fino a che
riprende una temperatura più dolce, poi massaggiate il petto con un misto di olio, sale
e poco pepe.


In una casseruola sciogliete del burro con poco olio e rosolate gli scalogni, aggiungete
bacche di ginepro e due foglie d’alloro. Fate rosolare bene la faraona su tutti i lati,
salate e pepate, poi sfumate con un buon bicchiere di cognac.


Continuate la cottura sfumando ogni tanto con un poco di vino bianco, fino ad unirne
un bicchiere in totale.


In un’altra padella, mentre la faraona continua la cottura, farete rosolare l’aglio in olio extra vergine di oliva.
Pulite i funghi con un coltello per togliere eventuale terriccio rimasto appeso. 


Passateli con della carta cucina leggermente inumidita per eliminare le ultime tracce di terra, ma non lavateli mai sotto l’acqua corrente.

 

 

Unite i funghi porcini: prima i gambi tagliati a cubetti, poi le cappelle a fette.

Rosolateli bene poi uniteli alla faraona.


Coprite con qualche mestolo di brodo caldo e lasciate cuocere, coperto, per circa
45 minuti, bagnandolo spesso con il fondo di cottura.


Servite la faraona contornato dal suo fondo e dai funghi.


*Si può utilizzare a piacimento il FAGIANO O IL CAPPONE

Et Voilà…